News
Jan 1

Araldica del mare

 

 

E’ stato pubblicata l'opera dal titolo Araldica del mare, sempre edita da Borè e disponibile sulla piattaforma Youcanprint.


Con araldica del mare si intende l’araldica che in qualche modo contempla o celebra il mare e quindi sono presi in considerazione gli stemmi di localita’ marine di tutto il mondo, ma anche di associazioni, societa’, circoli, club, persone e figure letterarie o cinematografiche legate al mare. Particolare rilievo e’ stato dato alle citta’ che facevano parte della Lega Anseatica.

Sono censiti gli stemmi che hanno nel loro interno non solo il mare o l’oceano, ma anche imbarcazioni, ancore, conchiglie, ostriche, stelle marine, cavallucci marini, coralli, crostacei, i fari, i timoni, le vele, i remi, bussole, uncini, arpioni, tridenti, mostri marini, figure mitologiche, etc

Oltre agli stemmi ed emblemi con elementi marini di tutto il mondo, sono trattati anche argomenti affini come i tipi di imbarcazioni, le loro parti, gli usi che si possono fare con lo stemma, i nodi marinari, gli stemmi dei navigatori e scopritori, dei pirati ed alcune delle navi piu’ famose al mondo.

 

Pagina della pubblicazione

Jan 1

Uso degli emblemi araldici

 

E’ stato pubblicato il libro intitolato “Uso degli emblemi araldici“, guida ragionata all’uso degli stemmi e degli emblemi araldici in genere.


Anche se la repubblica non riconosce la nobiltà, l’araldica è tutelata come ogni altra forma di distinzione personale e familiare (De Cupis, “I diritti della personalità“, in Trattato di diritto civile e commerciale, diretto da Cicu e Messineo, Milano 1961, p. 169).
L’uso che si può fare dell’araldica è molteplice: una volta i nobili usavano gli stemmi sui loro scudi, sulle bandiere, sulle livree, nei sigilli e nella corrispondenza, oggi si può usare lo stemma all’incirca nello stesso modo, infatti oltre che nei modi già citati si può raffigurare lo stemma nei seguenti modi:
sugli inviti
su biglietti da visita, carte intestate, cartoline ed altro
su piatti e su posate
su anelli, gemelli, spille
su cravatte, ascot ed altri indumenti
su sigilli ed ex libris
su mobilia ed argenteria
come pitture murali ed incisioni (nella cappella di famiglia, all’esterno o all’interno di
case e dimore)
su bandiere, vessilli, gonfaloni, guidoni, stendardi, gagliardetti, pennoni, pinsel,
su account digitali (whatsapp, facebook, linkedin, etc).


La seguente guida censisce ben 120 tipi di usi ed ospita 171 foto.

 

Pagina della pubblicazione

Jan 1

II edizione cartacea del RAI

 

 

 

Pubblicata la seconda edizione cartacea del Registro Araldico Italiano, che comprende le registrazioni che vanno dal numero 501 al n. 700, a partire dal 18 giugno 2018, fino al 22 giugno 2022.

 

Per tutti i dettagli visitate la seguente pagina: https://www.registroaraldicoitaliano.it/secondaedizionerai/

 

Jan 1

Istituzione dei Green Lairds

 

Il Registro Araldico Italiano in via del tutto eccezionale e considerando il momento storico del nostro pianeta, riconosce il titolo onorifico di Green Laird sull’intestazione degli armigeri del RAI, sia italiani che stranieri.

 

L’intestazione sarà: Nome, cognome, Green Laird di, a volte seguito dal nome della proprietà in oggetto.

 

Appena possibile sul RAI sarà creato un elenco apposito, così come avviene già per i Lord of the Manor e per i Baroni Feudali Scozzesi.

 

Si definisce green laird un proprietario terriero che utilizza la propria proprietà per l’installazione di impianti fotovoltaici o eolici e/o per il rimboschimento di un vasto territorio (almeno 2 ettari). La proprietà può anche essere in comune tra più imprenditori.

 

Questo fenomeno è in via di sviluppo specie in Scozia dove imprenditori scozzesi e non stanno acquistando notevoli quantità di proprietà terriere per sfruttarle ai fini delle loro attività verdi.

 

Con l’istituzione di questa usanza si auspica che anche in Italia si faccia altrettanto.

 

Per maggiori informazioni si prega di leggere questo articolo sul sito della BBC:
https://www.bbc.com/news/uk-scotland-highlands-islands-59592218

 

ELENCO GREEN LAIRDS

Jan 1

Inserimento del RAI su Opac Sbn

Dopo quasi due anni dall'uscita del primo volume della versione cartacea del RAI finalmente la pubblicazione è stata inserita sul sito dell'OPAC Sbn, ovvero il portale in cui cercare tutti i testi conservati presso le biblioteche italiane che aderiscono al progetto.

 

La pubblicazione cartacea è disponibile per una libera consultazione presso le seguenti biblioteche:

Biblioteca Nazionale Sagarriga Visconti Volpi - Bari - BA
Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

 

Scheda dettagliata (sbn.it)

 

Per effettuare la ricerca si prega di visitare la seguente pagina: Ricerca avanzata (sbn.it)

 

Italian English French German Japanese Portuguese Russian Spanish

Casate Italiane

Visitate il sito delle Casate Italiane

RAI Magazine

Il blog del RAI

Fidelity card

Sottoscrivete la fidelity card

Registrazioni

Compilate il modulo per registrare il vostro emblema

Guida araldica

La guida a tutti gli emblemi registrabili sul registro

Lo studio

Visitate il sito dello Studio Araldico Pasquini

Pubblicazione cartacea

Pubblicata la I Edizione cartacea del RAI